Notizie

Notizie

COMUNICATO 15 novembre 2021 – CAPIENZA DELLE DISCOTECHE – ASSOINTRATTENIMENTO CONVOCATA DALLA 10° COMMISSIONE DEL SENATO

Comunichiamo agli associati che Assointrattenimento, che si è prodigata in questi lunghi 20 mesi per la difesa degli interessi dell’industria dello Spettacolo,  su indicazione del Presidente della 10ª Commissione del Senato (Industria, commercio, turismo), è stata convocata la prossima settimana ad un audizione relativa  alla normativa concernente la capienza dei locali da intrattenimento.

Da tempo informiamo il Governo sulle criticità delle Capienze in Italia rispetto ad altri paesi Europei e non mancheremo anche in questa occasione di informare i Senatori e di avanzare le nostre proposte. 

La riduzione della capienza  statuita dal D.L. 8 ottobre n. 139 – motivata dalla volontà di prevenire il contagio da Covid-19 – rende molto difficile ed antieconomica l’organizzazione dell’ attività di impresa per i gestori rendendo insostenibili i costi di gestione: le imprese dell’intrattenimento per l’apertura dei locali sostengono costi fissi e variabili molto elevati. Con la riduzione del 50% del pubblico non copriamo i costi variabili e quindi amplieremmo il buco finanziario, generato dalle imposte chiusure durate ben quattro stagioni, compromettendo definitivamente la salute delle nostre aziende. 

Per quanto attiene invece alla cosiddetta Capienza di Sicurezza, statuita dalla Commissione di Vigilanza tanto si osserva:

come ben a conoscenza di  tutte le parti coinvolte nella determinazione della massima affluenza consentita all’interno dei locali da ballo (Commissioni di Vigilanza, Vigili del Fuoco, Operatori dello spettacolo ed Associazioni di Categoria), i parametri oggi utilizzati per determinare l’affollamento massimo sono due: la superficie utile dei locali ed il coefficiente di affollamento.

Tale “Coefficiente” stabilisce la quantità massima di persone presenti in un metro quadrato di area  stabilito in 0,7 persone per i locali del tipo night club e 1,2 persone per le discoteche. 

Nei fatti, si osserva che le nostre discoteche, dal punto di vista della capienza, sono considerate alla stregua di Musei o di ambienti dove si tengono  “mostre di arte, di pittura ,di scultura”. 

Non si può non rilevare  che, diversamente, in tutti gli altri stati Europei nelle DISCOTECHE il coefficiente medio di affollamento va da un valore minimo di 2,0 a 3,5  persone al mq.

Tale enorme differenza nei coefficenti di capienza crea gravi danni al nostro settore che, obtorto collo, deve subire questa grave e incomprensibile anomalia e, di fatto, la conseguente concorrenza sleale perpetrata ai danni della nostra categoria da locali stranieri, che in concorso con compagnie aeree a basso costo, attirano nostri connazionali a partecipare ad eventi che la nostra legislazione non ci permette più di poter organizzare.

Appare dunque di vitale importanza l’aumento del coefficiente di affollamento per metro quadro così come previsto ed applicato in tutti gli altri Stati Europei e si propone la re-introduzione della capacità del titolare dell’attività di certificare la volontà di diminuzione (mai di aumento) della capienza massima consentita.

E’ evidente che in entrambi i casi sarebbe comunque il titolare stesso che deve garantire, sotto la propria responsabilità, il rispetto di tale capienza (peraltro facilmente verificabile in caso di biglietto di ingresso o attraverso apposito personale dotato di contapersone).

Porteremo quanto sopra espresso alla 10° Commissione del Senato ritenendo  che la nostra richiesta non sia particolarmente complessa e/o gravosa, ma produttiva di immediati benefici per il settore rappresentato, e che, pertanto, possa in tempi celeri essere evasa dai competenti organi di controllo.

Confidiamo dunque nella lungimiranza delle Istituzioni e degli organismi preposti affinchè , anche in Italia, si possa contare sull’equità del trattamento rispetto a quello utilizzato per i nostri colleghi europei

      Il Presidente

dott. Luciano Zanchi

Notizie

COMUNICATO AGLI ASSOCIATI

ASSOINTRATTENIMENTO ANNULLA LA RISCOSSIONE DA PARTE DI S.I.A.E. DELLE QUOTE DI ISCRIZIONE ANNUALE RELATIVE ALL’ANNO 2021

Stante la situazione di grave crisi economica delle aziende nostre associate, provocata dalle imposte chiusure causa covid-19 durate venti mesi, la nostra associazione nazionale di categoria ha ritenuto atto dovuto sopprimere il pagamento della quota associativa annuale relativa all’iscrizione ad  Assointrattenimento per l’anno 2021.

Si ritiene che , seppur in minima parte, tale azione possa aiutare la ripresa delle sopravvissute aziende di Pubblico Spettacolo.

L’iscrizione ad Assointrattenimento  rimarrà comunque attiva fino a fine anno con il solo pagamento delle quote di apertura giornaliera per i locali che hanno riattivato l’attività per effetto del D.L. 8 ottobre 2021 8 n. 139.

La riscossione dell’iscrizione annuale ad Assointattenimento – pari ad € 150,00 annui – riprenderà , come consuetudine, nel prossimo mese di  gennaio 2022.

Buon lavoro. 

Il Presidente

           Luciano Zanchi

Notizie

COMUNICATO AI SOCI ASSOINTRATTENIMENTO ACCORDO S.I.A.E. – SOUNDREEF – L.E.A. PUBBLICA ESECUZIONE

A seguito della liberalizzazione avvenuta con D.Lgs 15 marzo 2017, n. 35 pubblicato in G.U., n. 72 del 27 marzo 2017 allo stato, in Italia, il repertorio musicale è intermediato oltre che da S.I.A.E. anche da altro Organismo di Gestione Collettiva LEA, ed Entità di Gestione Indipendente, Soundreef ciascuno dei due legittimato a rilasciare licenza del proprio repertorio amministrato.

In data 10 aprile 2019 SIAE, LEA e  Soundreef hanno raggiunto un accordo volto a definire le controversie in essere e nel rapporto di concorrenza tra le parti garantire il buon funzionamento dl mercato dell’intermediazione del diritto d’autore.

Questa Associazione ASSO INTRATTENIMENTO  ha tempestivamente fornito istruzioni circa il perfezionamento dei contratti di licenza e del conseguente pagamento dei diritti d’autore agli aventi diritto per la utilizzazione di repertorio misto, ovvero quello composto da opere i cui diritti sono rappresentati da più intermediari, come appunto SIAE e LEA.

In più occasioni alcuni nostri iscritti sono stati direttamente contattati e fatti oggetto di richieste di ulteriori pagamenti da parte di LEA con immediato intervento di questa Associazione volta ad evitare la comminatoria di sanzioni anche attraverso lo studio di consulenza nostro collegato che intrattiene da alcuni anni proficui rapporti di collaborazione con i citati Organismi ed Enti.

Qualora interessati ad ottenere più approfonditi ed esaustivi chiarimenti potrete rivolgerVi alla Segreteria di ASSOINTRATTENIMENTO all’indirizzo mail segreteria@assointrattenimento.it  o direttamente, precisando di essere nostri associati, allo studio di consulenza da noi raccomandato ai seguenti contatti: mobile 3473509865; e-mail: edmondo@consulenzaspettacolo.net  

Il Presidente

Notizie

COMUNICATO STAMPA – 8 OTTOBRE 2021 – LE DISCOTECHE POSSONO FINALMENTE RIAPRIRE

ANCHE PER IL NOSTRO SETTORE ARRIVA IL MOMENTO DELLA RIPARTENZA

Grazie alla continua attività̀ propositiva della nostra associazione che, da 20 mesi, lavora ininterrottamente per la riapertura delle discoteche e delle sale da ballo, il Governo è in procinto di emanare un Decreto Legge che entrerà in vigore il giorno 11 ottobre e sarà così strutturato:

“1-bis.In zona biancale attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati sono consentite nel rispetto di protocolli e linee guida adottati ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74. L’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 2, con tracciamento dell’accesso alle strutture. La capienza non può comunque essere superiore al 75 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 50 per cento al chiuso. Nei locali al chiuso ove si svolgono le predette attività deve essere garantita la presenza di impianti di aereazione senza ricircolo dell’aria, e restano fermi gli obblighi   di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie previsti dalla vigente normativa, ad eccezione del momento del ballo.”.  

In buona sostanza la capienza nelle sale da ballo, discoteche e locali assimilati non può essere superiore al 75 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 50 per cento al chiuso. Nei locali al chiuso deve essere garantita la presenza di impianti di aerazione senza ricircolo dell’aria.

La riduzione della capienza al 50% rende ancora molto difficile l’organizzazione profittevole delle nostre imprese. Ciò tuttavia costituisce un inizio che crediamo verrà a breve seguito da un graduale aumento della capienza fino a giungere, nell’arco dei prossimi mesi, alla normalità.

Il Consiglio direttivo dell’associazione, riunitosi ieri sera, ha comunque deciso di porre in essere un azione legale, che sarà proposta in sede Europea, per il risarcimento dei danni subiti dalle nostre aziende in conseguenza della discriminazione del settore attuata dai nostri governanti in questi 20 mesi. 

È in preparazione una CLASS ACTION per il risarcimento del danno. 

Gli imprenditori che ne vogliano far parte possono contattarci scrivendo una mail a segreteria@assointrattenimento.it

Notizie

COMUNICATO STAMPA 6 OTTOBRE 2021

IL CTS DISCRIMINA I GESTORI DI DISCOTECHE E SALE DA BALLO

Ancora una volta il CTS, nonostante le continue attività di informazione e proposta delle associazioni nazionali di categoria, che da  2 anni rimangono inascoltate, mette al palo il settore dell’intrattenimento e del ballo proponendo la riapertura con riduzione della capienza al 35%.

Gli imprenditori dell’intrattenimento non ci stanno! 

Non è più possibile , dopo la perdita di 4 stagioni lavorative e la riapertura di tutti i settori, che governo e CTS non tengano conto di tutte le informazioni e le proposte avanzate dalle principali associazioni nazionali di categoria.

La riduzione della capienza al 35% rende impossibile l’organizzazione dell’ attività di impresa per i gestori rendendo insostenibili i costi di gestione: il nostro lavoro è fatto di persone, le nostre aziende si avvalgono di molti collaboratori (labour intensive). Sosteniamo costi variabili per aprire i locali molto elevati. Con la riduzione del 65% del pubblico non copriamo i costi variabili e quindi amplieremmo il buco finanziario, generato dalle imposte chiusure che perdurano da ben quattro stagioni, compromettendo definitivamente la salute delle nostre aziende. 

Ancora una volta, con estrema leggerezza e un pizzico di incoscienza,  viene discriminato un intero settore senza, pare volutamente, comprenderne le dinamiche.

Se questa percentuale di riduzione dell’affluenza sarà adottata dal Governo, sarà la fine per centinaia di imprese,  saranno  favorite le attività di spettacolo e ballo abusive, favorendo l’illegalità.

CHIEDIAMO CHE IL GOVERNO E LA POLITICA FACCIANO LA LORO PARTE DANDO UN FUTURO ALLE NOSTRE IMPRESE!

Le Associazioni Nazionali di categoria, ancora una volta inascoltate e venute a conoscenza di quanto espresso dal CTS dai media, respingono con forza questa modalità di riapertura e chiedono con urgenza di essere convocate dal Presidente Draghi e ai Ministri competenti. 

Non permettere una riapertura sostenibile dell’attività di pubblico spettacolo, attraverso l’utilizzo dello strumento Green-Pass,  è un enorme errore, frutto di scelte suggestive, prive di  significato e di reali logiche di prevenzione. La riapertura con capienza limitata al 35% è insostenibile economicamente per le imprese ed è opzione estremamente pericolosa perché diretta a favorire manifestazioni spontanee, illegali con assembramenti in luoghi inidonei e difficilmente controllabili, cosi vanificandosi tutti gli sforzi patiti e subiti fino ad ora dalla società civile per arginare la pandemia.  

Il Presidente Nazionale Assointrattenimento.   f.to Luciano Zanchi 

Il Presidente Nazionale Silb  f.to Maurizio Pasca

                                                                                

Notizie

SILB-FIPE, ASSO INTRATTENIMENTO E CLUB FESTIVAL COMMISSION INCONTRANO IL SOTTOSEGRETARIO SILERI: “COLLOQUIO COSTRUTTIVO, CONFIDIAMO DI RIPARTIRE ENTRO OTTOBRE”

Roma, 23 settembre 2021 – Riaprire prima possibile i locali da ballo ormai chiusi da oltre un anno e mezzo, rispettando rigidi protocolli di sicurezza per tutelare la salute di dipendenti e avventori. Si è discusso di questo durante l’incontro tra i vertici delle principali associazioni di categoria, Silb-Fipe, Asso Intrattenimento e Club Festival Commission da una parte, e il Sottosegretario di Stato al Ministero della Salute, Pierpaolo Sileri dall’altra.

Un incontro molto cordiale e costruttivo durante il quale l’On. Pierpaolo Sileri ha dimostrato grande disponibilità a discutere delle problematiche che hanno messo sul lastrico l’intero comparto, mostrandosi fiducioso per una ripresa delle attività a partire dal prossimo mese di ottobre.

“Finalmente una luce in fondo al tunnel. La disponibilità di Sileri a discutere della riapertura dei locali da ballo già dalle prossime settimane ci rassicura. – spiegano Maurizio Pasca, Presidente Silb-FipeGiancarlo Bornigia, Presidente di Asso Intrattenimento Lazio Tito Pinton consigliere delegato di Club Festival Commission. Dopo la tremenda crisi che ci ha colpito e che ha costretto alla chiusura definitiva di quasi 1 azienda su 3, abbiamo bisogno di sapere che le porte dei nostri locali stanno per riaprirsi. Ringraziamo ancora una volta il Sottosegretario Sileri per l’attenzione che ha dimostrato, così come coloro che si sono adoperati per rendere possibile questo colloquio: l’Onorevole Maria Soave Alemanno e il Senatore Marco Croatti”.

Ufficio stampa Club Festival Commission, Lele Sacchi – 3498204743 – lelesacchi@gmail.it

Ufficio Stampa Silb-Fipe, Andrea Pascale – 393 8138965 – andrea.pascale@mediatyche.it

Ufficio Stampa Asso Intrattenimento, Gabriele D’Ambra – 392 4709912 – gabriele.dambra@assointrattenimento.it

Notizie

Locali serali: quando è obbligatorio il Green Pass?

Appare necessario  fare un po’ di chiarezza sulla norma che da oggi, giorno 6 agosto 2021, introduce l’obbligo del Green Pass per alcune attività economiche.Il DL 23 Luglio 2021 n. 105, all art 3 così recita:“”.. A  far data dal 6 agosto 2021, e’ consentito in zona  bianca  esclusivamenteai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19, di cuiall’articolo 9, comma 2, l’accesso ai seguenti servizi e attivita’:       a) servizi di ristorazione svolti da  qualsiasi  esercizio,  dicui all’articolo 4, per il consumo al tavolo, al chiuso;       b)  spettacoli  aperti  al  pubblico,  eventi  e   competizionisportivi, di cui all’articolo 5;..””(Fonte: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2021/07/23/21G00117/sg )
E’ inoltre necessario ricordare che il DL 22 aprile 2021 n. 52 statuisce che in zona bianca e in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale, e l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19. (Fonte: https://www.governo.it/it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-30/17514 )
Dopo questa premessa, è chiaro che ogni forma di Spettacolo al chiuso o all’aperto, necessita dell’utilizzo del Green Pass per far accedere il pubblico all’evento programmato, con la relativa “tracciabilità” del cliente da conservare per i successivi 14 giorni.Diversamente invece, se l’attività esercitata è esclusivamente quella di somministrazione di alimenti e bevande senza la presenza di Spettacolo, i luoghi all’aperto non sono soggetti alla verifica del green pass.
Cerchiamo ora di esprimere chiaramente la differenza tra Spettacolo/trattenimento dal semplice ascolto con accompagnamento musicale:Innanzitutto siamo nel campo dello SPETTACOLO anche quando parliamo di trattenimenti: La differenza tra “spettacoli” e “trattenimenti” consiste, essenzialmente, nel fatto che gli spettacoli sono manifestazioni a cui il pubblico assiste in forma  passiva (teatro, cinema, ecc.), mentre i trattenimenti sono manifestazioni a cui il pubblico assiste  attivamente “feste da ballo, giostre, ecc.” (circ. n.52 del 20.11.1982).Quindi, il Gestore di un locale come fa a determinare quale  modalità d’ingresso e di eventuale controllo Green Pass SI/NO debba essere utilizzata? E’ necessario verificare  quale titolo autorizzatorio sia utilizzato per l’attività svolta:è di  sola somministrazione e accompagnamento musicale, quindi con sola licenza di somministrazione anche temporanea, nei luoghi all’aperto non vi sarà obbligo di controllo del green pass; diversamente , se il titolo autorizzatorio è invece quello di pubblico spettacolo e la somministrazione funge solamente da accompagnamento allo spettacolo, anche nei luoghi esterni si dovranno rispettare le procedure di controllo green pass oltre a quelle della riduzione del 50% della capienza e della preassegnazione del posto a sedere per tutto il pubblico.

Notizie

COMUNICATO STAMPA: LOCALI DA BALLO CONTRO IL GOVERNO: “I 20 MILIONI DI RISTORI SONO UNA PRESA IN GIRO. DRAGHI CI RICEVA SUBITO”

Roma, 23 luglio 2021 –Dopo l’approvazione delle nuove regole per l’accesso ai locali pubblici da parte del Consiglio dei ministri, scoppia la protesta delle discoteche. Le principali associazioni di categoria del comparto chiedono un incontro immediato al premier Mario Draghi, per comprendere in dettaglio le ragioni che lo hanno spinto a prorogare ulteriormente la chiusura dei locali da ballo.

“Pretendiamo risposte e che siano risposte serie– sottolinea Maurizio Pasca, presidente di Silb, il Sindacato dei Locali da Ballo legato a Fipe-Confcommercio –. L’ultimo decreto dimostra che esiste un vero e proprio pregiudizio da parte di questo governo nei confronti delle discoteche: dal 6 agosto i possessori di green pass potranno ballare ovunque tranne nei locali nati per questo scopo. Di fatto, con questa nuova misura, il governo incentiva l’abusivismo e di questo se ne assumerà le responsabilità, anche dal punto di vista legale. È nostra intenzione tutelare i nostri interessi nelle sedi appropriate”. 

“La disposta chiusura delle discoteche – aggiunge Luciano Zanchi, presidente di Assointrattenimento- Federturismo Confindustria –è discriminante ed inammissibile: per le aziende del settore si tratta della definitiva perdita della patrimonialità, iniziando dall’azzeramento dell’avviamento, alla perdita di valore degli investimenti anche a lungo termine operati negli anni precedenti all’arrivo del Covid-19, alla definitiva perdita delle professionalità aziendali e della capacità operativa e commerciale di un intero comparto economico.

Ora è necessaria una convocazione immediata delle Associazioni di categoria nazionali ed un risarcimento altrettanto immediato agli operatori del settore. Risarcimento che deve essere rapido, serio e congruo a differenza di quelli fino ad oggi erogati.

“Si ritiene inoltre necessario – insisteZanchi – un controllo capillare in relazione alle attività abusive di pubblico spettacolo organizzate ormai in tutta Italia da imprenditori scorretti. Per questo chiediamo l’intervento del ministero dell’interno e di tutte le prefetture delle città italiane: devono farsi carico del controllo e del rispetto delle norme e della legalità nel territorio nazionale.

“Cosa pensate che faranno i milioni di ragazzi che abitualmente frequentano i nostri locali – sottolinea Pasca –Si riverseranno nei concerti, nei festival, andranno a ballare alle sagre paesane, nei centri sociali, ma soprattutto ai rave illegali. Proprio un bel modo per garantire la sicurezza loro e di tutti quanti. Noi siamo stati i primi, ad aprile, a chiedere l’introduzione del green pass per ballare all’aperto. Non abbiamo ricevuto alcuna risposta, salvo vedere a distanza di tre mesi, che siamo gli unici rimasti esclusi. Tutto ciò è ridicolo e inaccettabile”.

“Il presidente Draghi– conclude Zanchi – ha annunciato 20 milioni di ristori per le discoteche. Sono briciole, una presa in giro. In Italia ci sono 3mila discoteche chiuse da 18 mesi. Imprese che pagano in media 140mila euro di affitto l’anno. Questa elemosina si tradurrà in un contributo forfettario da 7mila euro ciascuno.Non vogliamo più sentir parlare di ristori: siamo chiusi per decreto da due anni e pretendiamo un vero e proprio risarcimento da parte di chi ha deciso che siamo pericolosi”.

Andrea Pascaleandrea.pascale@mediatyche.it– 393 8138965

Tommaso Tafi– tommaso.tafi@mediatyche.it– 3407990565

Luciano Zanchi– presidente@assointrattenimento.it – 3381301323

Gabriele D’Ambra– gabriele.dambra@assointrattenimento.it – 3924709912